sabato 6 settembre 2014

367 - Petting

Conoscevo una ragazza da quando eravamo alle scuole, lei era carina ma molto religiosa mentre io non lo ero, per cui non c'era sintonia, in più aveva già un fidanzato, poi andò ad abitare lontano con lui e siamo rimasti amici, ci sentivamo al telefono ogni tanto.
Dopo anni venne lasciata dal suo fidanzato, cercava un altro e cominciò a telefonarmi quasi tutti i giorni per chiedermi consigli su questo o quello, frequentava una chat a cui io non accedevo essendo senza computer, mi spiegava i tipi che aveva conosciuto chiedendomi dei pareri su con chi sarebbe stato meglio uscire; io mi ero autoescluso, oltre che per la mentalità diversa e la distanza, anche perché mi aveva mandato delle foto sul cellulare e non mi attirava, era peggiorata molto fisicamente.
Ogni volta le dicevo più o meno le stesse cose, di provare a conoscerli bene prima, di cercare di vedere come sono.
Allora li incontrava su mio consiglio al sicuro in un bar, poi ogni volta mi diceva che era andata in macchina col tipo a fare un giro, aveva fatto solo un po' di petting e stabilito che non le piaceva molto.
A me lasciava perplesso il fatto che da uno sconosciuto si facesse baciare, se tra l'altro non le piaceva, ma non le dicevo niente sapendo che stava passando un brutto periodo ed era molto suscettibile sull'argomento per il retaggio religioso che aveva, non volevo farla sentire in colpa e deprimerla.
Continuò così a lungo, ne incontrò decine, sempre petting e non le piacevano.
Un giorno infine le chiesi : - Ma se non ti piacciono perché ci fai sto petting? Che poi petting è un termine che non usa più nessuno, ma mi pareva comprendesse baci con lingua e palpeggiamento.
Lei: - Per conoscerli meglio vado in macchina, poi parlando finisce che ci baciamo e tocchiamo un  poco, e mi accorgo che non mi piacciono. Capiscono che sono una seria, non gliela do subito.
- Fai bene a fare così, a non avere rapporti completi e vedere se ci tengono a te, per avere una storia duratura.
- Sì, mi comporto seriamente, ci baciamo con la lingua, ci tocchiamo poi io lo bacio un po' più giù.
- Più giù?
- Si, ci abbassiamo i pantaloni, mi tocca e io lo bacio.
- Lui ti sditalina e tu lo baci ancora in bocca dici?
- No sul coso suo.
- Gli baci il cazzo?
- Lo bacio solo, non lo metto in bocca, lo lecco un po' sulla punta.
- Cazzo! Gli lecchi la cappella, che petting del cazzo è? Mai sentito che nel petting si lecca il cappellotto! E che è? E' come fosse un cono gelato della minchia, assaggi il gusto e non ti piace?
Lei imbarazzata: - Secondo te ho fatto male?
- Ma no, hai fatto bene, almeno non vanno a casa depressi ma avranno un buon ricordo.
- Secondo te ho fatto la figura di quella poco seria?
- Ma lascia perdere, che al giorno d'oggi le ragazze lo succhiano e si fanno infilare in ogni pertugio dagli sconosciuti, sei fin troppo seria.
Rincuorata nel tono della voce: - Sì, io mica gliel'ho data, sono andati via quando capivano che non volevo avere rapporti completi e non si sono più fatti sentire.
- Quindi non sono spariti perché non vi piacevate ma perché non gliela mollavi, in pratica erano venuti solo per trombare, volevano usarti per quello.
- Sì, quando hanno capito che sono una ragazza seria se ne sono andati e non li ho più sentiti.
Pensai: Sono andati via però con la cappella lucidata a nuovo, potevi asciugargliela con la pelle di daino già che c'eri.
Ma per non mortificarla le dissi: - Prova a selezionarli meglio prima e non dare appuntamento a tutti quelli che te lo chiedono, cerca di dirglielo prima che non sei una che la dà subito, che cerchi una storia seria.
Cominciò ad avere meno appuntamenti e dopo circa un mese mi disse che aveva trovato uno con cui continuava a vedersi, che la capiva e sapeva aspettare prima di avere un rapporto sessuale completo.
Dissi: - Posso darti un consiglio: succhiaglielo e menaglielo finché viene, non mandarlo a casa con le palle piene e la cappella lustrata a nuovo, che non si rompa i coglioni prima del tempo.
- Hai ragione, domani lo vedo e lo succhio invece di fare solo con la lingua.
- Brava, ora poi che hai capito che lui ti piace e anche il gusto ti aggrada.
Ci siamo messi a ridere.
Loro sono andati a vivere insieme.
Mentre io più passano gli anni e più mi rendo conto che non c'è niente da capire.


Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.