giovedì 20 marzo 2014

334 - eternamente

Dentro tragitti organizzati
andanti
traghettati trasportati
spaventati speranti
sparati
in particelle nello spazio
tra la figa della mamma e la tomba
microbi danzanti
su un granello di sabbia
siamo
dispersi nell'immenso
tra infinite galassie
accecati da noi stessi
illusi delusi
confusi ottusi
perdiamo tempo
ci perdiamo
in eterno.
Sarà per la prossima volta.





Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.