mercoledì 27 novembre 2013

310 - ECONOMIA REALE

ECONOMIA REALE

Ho visto un'inaugurazione di un negozio di stereo hi-fi, c'era il rinfresco subito pieno di anziani che si ingozzavano come disperati riempiendosi anche tasche e borsette con i tramezzini e i pasticcini, senza alcuna vergogna, dopo poco è arrivata la gente per l'inaugurazione e non c'era più niente, i vecchi che c'erano se n'erano andati, non gliene fregava niente dell'inaugurazione, alcuni si sono allontanati su automobili nuove.
§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§
Avevano fatto delle panchine lungo il fiume per sedersi, ma certi prima hanno fregato le viti, si vede che facevano comodo anche quelle, poi hanno fregato i travetti di legno delle panchine, ora ci sono solo i ferri, finché qualche genio della new economy non riuscirà a toglierli dalla base di cemento e venderli al ferrovecchio.
§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§
C'era una dal tabaccaio davanti a me che conosco, erano pieni di soldi ma si sono mangiati tutto per vestiti firmati, auto di lusso, vacanze, ora è nelle case popolari ed è mantenuta dai servizi sociali: ha giocato 120 euro al lotto e preso quattro pacchetti di Marlboro gialle, ha pagato ed è uscita.
§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§
Quando andavo alle superiori un amico ha cagato uno stronzo al cesso, non ha tirato l'acqua e ha infilato 50 lire in mezzo allo stronzo. 50 lire erano poca cosa tipo 20 centesimi adesso, alla fine delle lezioni è andato a vedere: lo stronzo c'era ancora, le 50 lire non c'erano più.
§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§
Una volta da ragazzo sono andato con degli amici alla festa dell'unità all'ora di chiusura verso l'una di notte, avevamo fame ma eravamo senza soldi.
Entrando abbiamo visto che all'ingresso c'era in quel momento incustodita una scatola, con la bandiera rossa sopra, in cui avevano messo dei soldi in offerta quelli che erano entrati, in un lampo ne abbiamo prelevati parecchi e ce li siamo intascati, poi siamo andati allo stand in cui cucinavano per mangiare, stavano per chiudere e ci hanno chiesto loro se volevamo da mangiare e bere, perché erano salsicce già cotte, pastasciutta che avanzava nelle pentole, vino che restava dopo che avevano aperto le bottiglie, ci siamo riempiti e non ci hanno fatto pagare niente.
Allora all'uscita ho detto anche agli altri di rimettere i soldi che avevamo fregato dov'erano, lo abbiamo fatto tutti.
Gli organizzatori della festa hanno visto il gesto, erano felici e compiaciuti vedendo dei giovani così a modo, che dopo che avevano a loro offerto da mangiare e bere ricambiavano con generose offerte, entusiasti ci hanno ringraziato e salutato calorosamente.
§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.