martedì 30 luglio 2013

285 - MITRAGLIATE DEMOCRATICHE

Sono un semplice soldato.
La mia mitragliatrice spara.
Pezzi di carne degli abitanti del villaggio saltano nell'aria,
schizzi di sangue colorano il paesaggio
astratti motivi rossi sui muri bianchi.
Continua a sparare,
senza fare differenze:
uomini, donne, vecchi, bambini.
Tutti sono uguali nella sorte,
la morte è democratica
e la mitragliatrice la consegna
con spedizione ultraveloce di piombo.
Nemici del progresso pagate questo biglietto
per entrare nella democrazia del mondo degli spot,
un giorno mi ringrazierete;
la felicità di consumare vi pervaderà
facendovi dimenticare i morti.
E alle persone tristi e noiose, che non rideranno
e ancora piangeranno,
potrò dire che ho solo obbedito agli ordini.
Credo nel mio presidente, obbedisco al mio governo
e combatto per la mia patria.
Faccio sempre il mio dovere, senza pensarci su.
Sono un democratico.
Sono un semplice soldato.


Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.