sabato 20 aprile 2013

265 - Colloquio di lavoro



Telefonare, telefono.
Vestirsi bene, mi vesto bene.
Andare, vado.
Parcheggiare, parcheggio.
Entrare, entro.
Spingere, spingo.
Rivolgersi alla reception, mi rivolgo alla reception.
Graziose scimmiette ammaestrate, una mi dice di accomodarmi e aspettare, mi accomodo e aspetto.
Aspetto. Vedo passare facce represse con comportamenti da repressi.
Questa democrazia è scegliere tra le opzioni imposte.
Aspetto e aspetto prigioniero della situazione.
Guardo fuori e vedo che c'è ancora il cielo, tra il cemento del piazzale spunta qualche pianta, vedere che c'è ancora vita su questo pianeta mi fa star meglio. Finalmente in ritardo arriva un falso mezzo sorriso di superiorità con una mano protesa dicendomi: - Piacere!
- Piacere stocazzo! - Rispondo, e senza dare la mano mi alzo e me ne vado.
Per oggi ne ho avuto abbastanza, forse domani.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.