lunedì 19 novembre 2012

238 - sole e amore

Abbandonata alla corrente del mare.
Acqua calda e limpida, sulla sabbia increspata del fondale conchiglie e qualche piccolo granchio.
Corpo che scivola dolcemente sull'acqua.
Sole che splende, corpo nella corrente marina.
I lunghi capelli biondi accarezzano il mare.
Gocce rosse si aprono in fantasmagoriche figure danzanti nell'acqua.
Dalla spiaggia qualcuno gridava di gioia, ora grida di terrore.
"Una donna morta".
Una donna che era amata, tanto amata, follemente amata, era l'unico amore.
"Sei mia" le diceva, lei si sentiva lusingata da tutto quell'amore.
Sopportava botte e sopraffazioni per quell'amore, e quando ha tentato di andarsene quell'amore ha prevalso.
"Sei mia" è il nome in codice della morte.


Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.