venerdì 3 ottobre 2014

378 - IL MORTO CHE CAMMINA

A quei bivi che capitano nella vita
sono sempre andato fuori strada
e ho perso tutto.

Non ho vissuto
non ho un passato,
né un presente, né un futuro.

Sono morto
a 16 anni.

Sono morto
a 26 anni.

Sono morto
a 38 anni.

Sono solo un morto che scrive
confusi ricordi
imbevuti d'alcol e psicofarmaci.

Di nascosto spio
la mia faccia al mattino
e scappo via
mentre il mio corpo vaga
senza testa
assente e cadavere
tra gente che non c'è.

Non parlarmi.

Non toccarmi.

Non esisto.


Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.