venerdì 11 aprile 2014

337 - Essere nessuno

Nessun come, nessun dove, nessun perché,
mentre ognuno tira avanti
per sé
e tu per salvarti dal vuoto
aggiungi un posto al tuo fianco
aggrappandoti a una persona
illudendoti di essere il doppio
rendendoti poi conto che invece sei solo una metà
che in aggiunta è proprio la metà che non ti appartiene.

Lungo il viale che mi porta a casa
alla sera intravedo spesso persone morte
che si mescolano con i vivi,
indistinguibili.



Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.